,

L’anguria è social 👍🏻

[…] Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. […] All’improvviso il ricordo è davanti a me. Il gusto era quello del pezzetto di maddalena che a Combray, la domenica mattina, quando andavo a darle il buongiorno in camera sua, zia Leonia mi offriva dopo averlo inzuppato nel suo infuso di tè o di tiglio….”

(Marcel Proust, Dalla parte di Swann)

Vi capita mai che un cibo vi faccia affiorare un ricordo in maniera così forte da rimanere impresso nella mente, un pensiero che faccia venire voglia di chiudere gli occhi e farvi trasportare completamente da quel sapore e da quel profumo come se la sensazione che provate sotto i denti vi potesse portare realmente in quel ricordo.

A me capita in continuazione, soprattutto d’estate, come quando l’altro giorno stavo mangiando dell’anguria fresca per trovare un po’ di sollievo da questo caldo.

Mi sono ricordata improvvisamente delle sere d’estate della mia infanzia, quando ci si riuniva tutti nella casa di campagna di mio zio per cenare in compagnia. Noi bambini aspettavamo sempre con entusiasmo il momento in cui ci si spostava in giardino per il taglio dell’anguria… o meglio del cocomero (come lo abbiamo sempre chiamato a casa mia 😉).

Si mangiava tutti insieme, con le mani, addentando la fetta senza remore, senza la preoccupazione di sporcarsi, un vero momento di relax per tutti, anche per chi aveva cucinato, apparecchiato, sparecchiato… con l’anguria tutti si sedevano e si rilassavano.

Si potrebbe dire che la fetta di anguria aveva un potente effetto social!

Forse oggi abbiamo un po’ perso quello spirito di semplicità, presi dalla ricerca di sempre nuove ricette, nuovi modi di sorprendere, elaborando e rielaborando tutti i cibi (eccomi qua, sono la prima colpevole! 😜).

Magari ogni tanto dovremmo cercare di riscoprire il bello di condividere il cibo, di mangiare insieme, in semplicità, proprio come una bella fetta di anguria… perché ricordatevi che l’anguria è SOCIAL!!! 

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *