illustrazione eva montanari

Non solo ricette…

illustrazione eva montanari

 

[…] cucinavo,cucinavo, cucinavo con l’energia di un forsennato. […] Se sbagliavo riprovavo finchè il piatto non veniva bene. Cucinando mi capitava di perdere la pazienza, di innervosirmi, ma anche di sentirmi pervasa da una sensazione di beatitudine. […]”
B. Yoshimoto, Kitchen

Le parole di Banana Yoshimoto mi sono molto familiari, infatti a casa mia “la cucina” ha sempre avuto un ruolo importante. I ricordi più belli che ho dell’infanzia sono legati a grandi pranzi di famiglia e soprattutto alla fase di preparazione che li precedeva. Tutti si davano da fare, ma soprattutto la nonna, nonna Lina, la mia nonna materna.

La stessa nonna che ogni estate, quando andavo a passare le vacanze da lei, mi faceva trovare pronto la sera stessa del mio arrivo, il suo incredibile minestrone che io ovviamente adoravo e di cui già percepivo il profumo nella mia mente ancora prima di arrivare. Lo so che il minestrone è un piatto un po’ strano ad agosto, ma servito tiepido era una meraviglia. Una vera coccola se penso che veniva travasato su due piatti diversi per fargli raggiungere più in fretta la giusta temperatura.

Forse è da questo che è nato il mio interesse e il mio amore per la cucina, dalla cura e dalla passione che ho visto infondere nelle ricette, o forse no, chissà probabilmente è tutto merito del Dolce Forno… ma a me piace pensare che un po’ di questa passione sia sempre stata dentro di me…

Sta di fatto che la cucina mi ha spesso aiutata, mi ha distratta nei momenti difficili, mi ha divertita, mi ha consolata come solo una brava amica sa fare.

Anche in un momento molto difficile, quando tutte le scelte fatte fino a quel momento non mi rispecchiavano più e non mi sentivo più soddisfatta del mio lavoro e della mia vita. La cucina ha rappresentato un mio personale appiglio che un po’ alla volta mi ha aiutata ad uscire da quel momento buio, ritrovando la curiosità, l’entusiasmo e la voglia di fare.

E da qui nasce l’idea di questo blog. “My cooking therapy” vuole essere un manifesto, un inno alla cucina, non solo come abitudinaria preparazione del pasto, o come alta arte culinaria per dilettare i palati più raffinati, ma come una vera e propria pratica che può aiutare a vivere meglio.

Certo imparare a cucinare non è la soluzione a tutti i problemi, ma se ci pensate bene quando siamo dietro ai fornelli, per dovere o per piacere, è difficile lasciare spazio ai pensieri quotidiani che ci stressano perché dobbiamo essere concentrati su quello che stiamo facendo in quel preciso momento.

E perché succede questo?

… È quello che voglio scoprire, indagando tutti i luoghi e momenti in cui cucinare diventa una vera e propria esperienza per il gusto, ma anche per lo spirito perché quando cuciniamo tocchiamo, gustiamo, sentiamo i profumi, ma percepiamo anche i suoni, vediamo i colori, ci lasciamo ispirare da quello che abbiamo intorno e così scopriamo un po’ anche noi stessi.

L’immagine di apertura è un’illustrazione di Eva Montanari dal titolo “L’occasione giusta”. L’ho scoperta praticamente per caso un pomeriggio in libreria, ma come per il critico Ego con la ratatuille, è bastato un solo morso …scusate volevo dire un solo sguardo per riportarmi alla mente la stessa atmosfera delle sere d’estate, quando cenavo nella cucina di mia nonna. Così ho deciso che avrebbe accompagnato il primo articolo del mio blog.

Vi consiglio di visitare il suo sito www.evamontanari.com per dare un’occhiata agli altri suoi lavori, io ne sono rimasta affascinata.

 

 

 

Share

2 comments on “Non solo ricette…

  1. Valentina
    giugno 28, 2016 at 5:19 pm

    Amica mia tu farai strada! Io semmai farò l’assaggiatrice ufficiale di una gran donna che reputo speciale per la sua determinazione e per la costante ricerca di questo meraviglioso mondo culinario! Hai un futuro…

    • admin
      giugno 28, 2016 at 5:48 pm

      Grazie mille Vale!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *