A tutto colore!

Come vi avevo promesso ecco qualche semplice trucchetto per mantenere vivo e brillante il colore delle vostre verdure cotte e preparare così dei piattini sani ancora più invitanti!

Spesso a casa quando si preparano le verdure bollite, si lasciano cuocere a lungo nell’acqua e poi si scolano e si lasciano raffreddare lentamente. Vi suona familiare?

Tranquilli siete in buona compagnia, quasi tutti fanno così 😜 In realtà però questo modo di procedere ha una serie di svantaggi. Per prima cosa una cottura troppo prolungata in acqua fa perdere ai vegetali troppe sostanze nutritive rendendo la loro consistenza molliccia. Avremo così nel piatto delle verdure dal colore spento che tendono a sfaldarsi… direi non molto invitanti, soprattutto per i bambini 😕

La soluzione in realtà è semplice:

Partiamo dalla cottura. Accorciamo un po’ i tempi, prendiamo spunto dalla pasta e scegliamo una cottura al dente! Il buono delle verdure sta anche nella loro consistenza un po’ croccante che stimola il palato, come per esempio avviene nella cottura saltata al wok!

Per una buona cottura omogenea è molto importante tagliare le verdure in pezzi più regolari possibile in modo che si cucinino tutti allo stesso modo.

Ogni verdura richiede tempi leggermente diversi, affidatevi al vostro gusto e assaggiate sempre, oppure fate la “prova forchetta”: provate a infilzare un pezzo di verdura con una forchetta o la lama di un coltello, se entra facilmente con una leggera pressione, ci siamo!

Colore sempre brillante! Se preparate delle verdure bollite che non vengono servite immediatamente, un semplice trucchetto per mantenere il colore è quello di farle raffreddare velocemente immerse in acqua e ghiaccio. In questo modo la cottura si blocca e i colori si fissano.

Il ghiaccio ha un’importanza fondamentale in cucina! Consideratelo come un ingrediente di base vero e proprio che non deve mai mancare. Oltre che per raffreddare le verdure cotte, funziona benissimo anche con quelle crude. Se state preparando un pinzimonio, man mano che tagliate carote, sedano e finocchi, immergeteli in acqua e ghiaccio per mantenere i colori brillanti e una consistenza fresca e croccante!

Aggiungetene qualche cubetto anche nel frullatore per preparare frullati e succhi di frutta e verdura dal colore sempre invitante, ma anche per un pesto verde brillante e non ossidato.

Cosa significa “sbianchire” le verdure?

Anche le verdure in padella spesso perdono colore e consistenza rendendo i contorni poco invitanti.

Nelle cucine dei ristoranti si fa spesso la “sbianchitura” che consiste semplicemente nell’immergere le verdure crude per alcuni decine di secondi in acqua bollente salata per poi raffreddarle in acqua e ghiaccio.

Una sorta di cottura preliminare che ci permette non solo di fissare il colore, ma anche di preparare in anticipo la ricetta per poi finirla più velocemente in padella insaporendo le nostre verdure come più ci piace, anche semplicemente lucidate con un filo d’olio extra vergine.

La sbianchitura è utilissima anche per togliere la pelle ai pomodori: lasciate bollire per 20 secondi, raffreddate e il gioco è fatto!

E infine una spruzzata di limone: Il limone è un perfetto antiossidante da spruzzare sulla frutta tagliata o sull’avocado per non farli annerire! Man mano che pulite i carciofi, conservateli in una ciotola piena d’acqua con mezzo limone spremuto dentro, li aiuterà a non annerire.

Ora siete pronti per un menù a tutto colore!!!

 

 

 

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *