Una storia dal #SaporeDiverso

Oggi voglio raccontarvi una storia dal #SaporeDiverso, il sapore dei prodotti di stagione, dei mercati e dei piccoli produttori agricoli, il sapore del pane fatto in casa… ma è anche il sapore di una bella e giovane avventura imprenditoriale nel mondo del food. The Farmers è un food truck che gira l’Italia tra Festival,  mercatini vintage ed eventi di street food, e sempre più spesso presente nelle feste private, negli eventi aziendali e nei matrimoni.

Il nostro obiettivo è tornare alla terra, alla vita semplice e contadina. Per questo motivo la maggior parte dei prodotti che utilizziamo provengono da cascine e piccole aziende agricole, nel pieno rispetto della stagionalità delle materie prime.
Crediamo nel cibo di qualità e di provenienza sicura.
Abbiamo visitato personalmente ogni azienda, cascina e mercato che collabora con noi stringendo le mani di agricoltori e giovani imprenditori che mettono grande passione nel proprio lavoro, riappropriandoci anche dell’importanza del rapporto umano.

Ho conosciuto Federica all’Università, in tempi non sospetti, quando la cucina era una passione che trovava spazio nel tempo libero e forse ancora non immaginavamo che sarebbe diventata il nostro lavoro. Cosi quando ho iniziato a seguire su Facebook l’avventura di The Farmers ho sentito subito che c’era un’affinità con l’idea alla base di mycookingtherapy.

 

Allora conosciamo un po’ meglio Federica e il suo progetto:

Cosa ti ha spinto a cambiare radicalmente lavoro e vita?
L’idea nasce un po’ per caso dopo lunghe chiacchierate a confrontarci sulle nostre vite e passioni, sui nostri problemi e sulle visioni di quei mondi lavorativi che ci avevano così affascinati, ma anche molto delusi sotto diversi punti di vista.

In un momento particolare delle nostre vite, dopo i 30 anni, in un Paese che attraversa una forte crisi, in un mondo dove a tratti ti senti un po’ estraneo, abbiamo iniziato a chiederci: come saremo tra qualche anno? E cosa vogliamo fare del nostro prossimo futuro?

Volevamo creare qualcosa di nostro, sporcandoci le mani (nel vero senso della parola :D), lavorando duro come sempre abbiamo fatto, ma con un ritorno alle cose semplici che abbiamo riscoperto quando ci siamo fermati a riflettere un attimo e ci siamo trovati, non ci vergogniamo a dirlo, anche in serie difficoltà.

 


Perché hai scelto un lavoro nell’ambito del food? E perché un food truck?
Perché il cibo è una passione che accomuna me e il mio socio, nonché marito ormai 😀 Perché crediamo di vivere in un Paese che, se non altro sotto il punto di vista della varietà e diversità delle materie prime, è semplicemente meraviglioso. Abbiamo profumi, sapori e colori da far invidia a mezzo mondo e spesso ce ne dimentichiamo o lo diamo per scontato.

Perché il food truck? Perché fondamentalmente amiamo viaggiare e spostarci in continuazione. Lo dico sempre, voglio fare la zingara 😀 

Qual è la cosa che preferisci del tuo nuovo lavoro?
Una delle parti più belle del nostro lavoro è proprio quella di girare, conoscere tante persone nuove, visitare nuovi posti e far star bene la gente con le nostre proposte

C’è un piatto o un ricordo della tua infanzia legato alla cucina a cui sei particolarmente affezionata?
Sicuramente la frittata. Per noi è un ricordo d’infanzia, della nostra merenda, della campagna ed è anche il piatto che abbiamo scelto per iniziare questa avventura.

Volendo riappropriarci di un rapporto più vicino con la terra e con gli agricoltori e della semplicità, questo ci sembrava il piatto giusto. Povero, ma estremamente versatile, che in ogni regione italiana (ma anche nel mondo) viene realizzato in maniera diversa con gli ingredienti più vari.

Quali sono i progetti futuri di The Farmers?
I progetti futuri sono tanti. La nostra testa non smette mai di sfornare idee :D.
Vogliamo concentrarci ancora di più sui matrimoni e gli eventi privati e poi continuare la produzione delle nostre Jar.

 

Le jar sono delle vere e proprie ricette in barattolo, “versa, aggiungi e cuoci”, preparate con ingredienti e farine selezionate da cascine e piccole aziende agricole. Le proposte, sia dolci che salate, spaziano dai biscotti alle zuppe, dal vin brûlé alla cioccolata calda. Possono diventare delle bomboniere originali, dei perfetti pensierini di Natale o un regalo che si adatta a tante occasioni. Ce ne sono per tutte le tasche, dai 6 ai 16 euro e si possono acquistare direttamente sulla nostra Ape Car o Cargo Bike.

 

 

www.thefarmers.it  //  Facebook @thefarmers  // info@thefarmers.it

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *